Next Talent: il nuovo canale di recruiting per trovare candidati in ambito IT

talent

È da poco attivo Next Talent, l’innovativo canale di recruiting di Teamsoft. Ne parliamo con Antonio Farao, Business Developer. 

Stiamo assistendo a un’accelerazione nella Digital Transformation: come vedi la situazione nelle imprese italiane?

La Digital Transformation sta spingendo le imprese italiane a trovare nuove soluzioni e tecnologie a supporto dell’innovazione. Il lavoro digitale è dunque sempre più richiesto, ma il divario fra le richieste delle aziende e la disponibilità di candidati è ancora piuttosto ampio. Siamo davanti al paradosso tale per cui le aziende hanno sempre più bisogno di figure professionali specializzate per stare al passo con la trasformazione digitale, ma quelle stesse figure sono anche le più difficili da reperire.

Come si pone Teamsoft in questo contesto di cambiamenti?

Teamsoft supporta da sempre le aziende nell’individuare i migliori talenti IT per i loro progetti e si coordina con loro in merito agli obiettivi da raggiungere. In pratica, se un’azienda ha bisogno di un professionista qualificato per implementare una nuova tecnologia o per qualsiasi altro progetto, il team HR di Teamsoft si adopera per ricercare il professionista più adeguato e rispondente alle esigenze dell’azienda. 

A questo proposito, ci spieghi com’è nata l’idea di Next Talent?

Next Talent si pone come strumento per portare all’attenzione dei clienti tutti i talenti che vengono selezionati attivamente dalle nostre recruiter, così da aumentare la visibilità di questi profili. Next Talent si lega infatti alla ricerca attiva: le nostre recruiter ricercano sui canali offline e online quelle figure di cui le aziende hanno sempre bisogno, le colloquiano valutando con attenzione soft e hard skill, e se soddisfano una serie di requisiti le inseriscono all’interno del Next Talent. Le aziende potranno poi consultare le note che le recruiter hanno inserito dopo il colloquio, così da avere ancora più informazioni sul candidato.

Rispetto ad altri strumenti, perché Next Talent può davvero dare risultati e aiutare le aziende nella loro ricerca di informatici?

Il primo termine che mi viene in mente è “immediatezza”: Next Talent è molto utile perché riduce drasticamente i tempi e la filiera di passaggi per la proposizione del candidato. L’immediatezza, in questo settore, tante volte può fare la differenza nella Talent Acquisition di un candidato IT libero o propenso a cambiare lavoro. Il tempo, insomma, è un fattore fondamentale. 

Una caratteristica che contraddistingue Next Talent è che permette di personalizzare la visione dei talenti, lato cliente, in base al loro core business: ad esempio, chi si occupa solo di sviluppo avrà modo di visionare unicamente profili legati a quest’ambito.

Infine, un vantaggio per il cliente è sicuramente la garanzia di poter sempre contare sulla presenza di profili in linea con le sue esigenze attuali, ma anche destinati a progetti in costruzione e su cui magari non ha ancora aperto delle ricerche specifiche.

Puntate molto a questo nuovo servizio: che riscontri state avendo?

Il fatto che Next Talent sia uno strumento gratuito è stato sicuramente apprezzato, ma non è il motivo principale per cui sta riscuotendo successo. Next Talent ha ottenuto l’approvazione dei nostri clienti, perché fin da subito hanno sperimentato un’accelerazione dei tempi di recruiting. Riuscire a reperire risorse così specializzate e in tempi tanto brevi penso sia molto vantaggioso per le aziende, anche in termini di competitività sul mercato.
Il nostro cliente ha la sicurezza di poter sempre
attingere a un pool di talenti tra cui scegliere in base ai progetti in corso o a quelli futuri e questo lo fa sicuramente lavorare con maggiore tranquillità.

Ci sono altri progetti a cui Teamsoft vorrebbe dedicarsi?

Grazie alla sinergia con le altre società del Gruppo Performa stiamo pianificando di investire su nuovi progetti di formazione. Come detto all’inizio, reperire risorse nell’ambito dell’Information Technology non è sempre immediato, poiché mancano le competenze necessarie. Pensare di poter formare noi un domani delle figure specializzate e poi inserirle presso aziende clienti è sicuramente un obiettivo che intendiamo perseguire.